PENTONE DOPO L'AFOSA ESTATE

 

Mia cara Pentone, dopo

l'estate ti rivedo sempre

più triste.

 

                        Specialmente dopo i

                        festeggiamenti della

                        "Madonna di Termine"

                        e la partenza dei nostri

                        cari emigrati.

 

Hai perduto lo splendore

di allora, la tua gente

si è asserragliata nella

propria casa.

 

                        Di tanto in tanto spuntano

                        da qualche vicoletto

                        i grigi capelli del vecchietto

                        dal suo passo tremante.

 

Nel silenzio si sente

il fracasso delle macchine

e di qualche televisore acceso

a plagiare la povera gente.

 

                        Non si sente più il grido

                        genuino dei bambini,

                        il canto dei vari balconi

                        delle giovani donne e il

                        canticchiare delle vecchiette

                        vicino il loro caminetto.

 

Da anni ormai sto

implorando il dolce risveglio

ma vedo in te

un sonno profondo.

 

                        Mia cara Pentone come sarà

                        il prossimo autunno

                        ed il triste inverno?

 

Cercherò di tanto in tanto

di rifugiarmi nell'aperta

campagna dove potrò udire

il soave canto degli uccelli

e il suono dei ruscelli.

 

                        E con questi miei occhi

                        veder cadere le ultime foglie

                        degli alberi ormai ingiallite,

                        la candida neve che scendendo

                        dal cielo ricopre valli e monti,

                        nell'attesa del mandorlo in

                        fiore che emana il suo dolce

                        profumo di primavera.

 

Pentone, 24 settembre 1995